Per Milena Baldassarri la World Cup di Sofia ha segnato il debutto nell’ “alta società”. Si è trattato, infatti, della sua prima partecipazione a una tappa di Coppa del Mondo, nella categoria senior. Milena, classe 2001, è riuscita in un’impresa assai difficile: piazzarsi lì, in decima posizione, fra le big del panorama internazionale, la migliore prestazione di un’individualista azzurra nel 2017.

Senza timore e con tanta determinazione, la ginnasta allenata da Julieta Cantaluppi (sette volte Campionessa italiana e finalista ai Giochi di Londra 2012) e da Kristina Guirova ha portato a termine una gara calandosi nei panni di una vera veterana. Dopo l’esordio, nella giornata di ieri con due composizioni a cerchio e palla eseguiti  con disinvoltura (premiati rispettivamente 16.600 e 16.350), oggi l’atleta tesserata per la Ginnastica Fabriano ha ottenuto il punteggio di 16.550 alle clavette e 15.150 al nastro. Milena aveva conquistato l’argento, la scorsa settimana, nel Concorso generale del Grand Prix di Corbeil-Essonness e un oro nella finale alle clavette al Torneo internazionale “Città di Pesaro”“Sono contenta, nastro a parte dove ho commesso qualche imprecisione – ha spiegato Milena alla fine della gara – ma nel complesso sono soddisfatta. Certo si poteva fare meglio, ma è la prima World Cup da senior che faccio e quindi è sicuramente un buon inizio”.

Agiurgiuculese “alti e bassi”. Meno costante l’altra azzurra Alexandra Agiurgiuculese che ha commesso due gravi perdite sia nell’esercizio al cerchio di ieri, sia alle clavette questo pomeriggio (p. 13.750). La ginnasta dell’Udinese allenata da Spela Dragas e Magda Pigano chiude la sua seconda esperienza nella World Cup (aveva esordito a Pesaro all’inizio di aprile) in 13a posizione, con il pass per la finali di domani alla palla al nastro dove proverà a riscattare il risultato di oggi. Proprio il nastro che alla World Cup di Pesaro le era valso una storica medaglia di bronzo nella finale per attrezzo. “Per la gara che ho fatto sono più o meno soddisfatta – ha dichiarato Alexandra al termine del Concorso generale – anche se cerchio e clavette potevano venirmi meglio, con meno disastri, mentre sono contenta per palla e nastro e spero di migliorami domani, nelle finali di specialità. Direi un po’ di alti e bassi”.

Trionfo bulgaro. La gara è stata vinta dalla beniamina di casa Neviana Vladinova (p. 74.000), seguita dalla connazionale Katrin Taseva con il totale di p. 70.450. Terza l’israeliana Linoy Ashram (p. 70.300).