Login/Registrati

0.1 Banner Bambino

 

Chi c'è online

 385 visitatori e 11 utenti online

Rss Feed


Abbonati e ricevi sul tuo Rssreader le ultime notizie!

Add to Google

Aggiungi GinnasticaRitmicaItaliana.it alla tua pagina iGoogle

Free Google PageRank

Contatore Pagine

Home News Articoli Dietro le quinte di "Io canto"
Dietro le quinte di "Io canto"
Domenica 31 Gennaio 2010 17:28
Siamo andati a curiosare dietro le quinte del programma di Canale 5 "Io canto", condotto da Gerry Scotti. Un venerdì qualunque, durante le prove. Lo studio 20 di Cologno Monzese è piuttosto ampio. Il regista Roberto Cenci segue dal palco i piccoli cantanti - alcuni davvero fenomenali da far venire la pelle d'oca - e dà indicazioni per la diretta del sabato sera. L'impressione è quella di trovarsi in un ambiente sereno e rilassato e la presenza dei bambini certamente favorisce il clima circostante. Sedute in platea - laddove durante la diretta prende posto il pubblico - ad attendere il loro turno, ci sono loro: le ginnaste della San Giorgo 79 di Desio. Ovvero Veronica Bertolini, Giulia Di Luca, Arianna Facchinetti, Giulia Pala, Camilla Patriarca e Daniela Pintus. Per chi ancora non lo sapesse, sono ospiti fisse della trasmissione di Gerry Scotti. E la loro presenza non passa certo inosservata.Vederle salire su quel palco fa un certo effetto. Innanzitutto perché, finalmente, la ginnastica ritmica ha la visibilità che merita e poi perché loro hanno quell'eleganza innata che le rende diverse da tutti gli altri. Non ce ne abbiano a male i ballerini - bravissimi - con i quali le atlete di Desio si alternano nelle coreografie, ma l'armonia dei movimenti che solo la ritmica sa regalare, fa tutto un altro effetto. "La nostra presenza a "Io canto" è un impegno non indifferente - hanno ribadito Elena Aliprandi e Donatella Paleari, le tecniche di San Giorgio - perché dobbiamo preparare le coreografie per la trasmissione, senza mai dimenticare il nostro obiettivo primario, la stagione agonistica che è già partita con il Campionato di Categoria. I sacrifici sono tanti, ma almeno le ginnaste hanno l'opportunità di vivere un'esperienza diversa e stimolante".
Noi le abbiamo "immortalate" durante uno dei rari momenti di relax. La stanchezza è tanta, inutile negarlo, ma loro sono sempre pronte a regalare sorrisi.  E ci auguriamo che questo sia solo l'inizio!

 








 
RocketTheme Joomla Templates