di Giuseppe Suma – Quest’oggi alla Vitrifrigo Arena di Pesaro si è chiuso il sipario della prima tappa del circuito FIG World Cup di ginnastica ritmica, dove sono andate in scena le finali di questa rassegna internazionale, arrivata all’undicesima edizione. Finali che hanno visto l’Italia protagonista sia a livello individuale, sia a squadre con la conquista di ben due medaglie (un oro e un argento), che sommate al bronzo conquistato nella giornata di sabato nell’all-around a squadre, porta il bottino azzurro a un totale di tre medaglie vinte.

Farfalle d’oro alle 5 palle. Amaro in bocca nel misto.

Ma andiamo con ordine. Il primo risultato eccezionale arriva dalla Squadra Nazionale Italiana, capitanata da Alessia Maurelli e composta da Martina Centofanti, Agnese Duranti, Martina Santandrea, Anna Basta e Letizia Cicconcelli, ed è stato nientepopodimeno che una medaglia d’oro vinta nella finale alle 5 palle con il punteggio totale di 25.400. Le Farfalle, sulle note dell’Overture di Romeo e Giulietta, mettono in scena un esercizio da togliere il fiato, frutto di un altissimo valore tecnico (il parziale delle difficoltà recita come valore p. 16.900), battendo così la Russia, che vince l’argento (p. 25.300) e il Giappone che termina in terza posizione (p. 24.950). 

Farfalle brillano d’oro nella finale alle 5 palle ???????????????? #ginnasticaritmica #rhythmicgymnastics #rgworldcuppesaro2019

Posted by Ginnastica Ritmica Italiana on Sunday, 7 April 2019

Nella finale mista con 3 cerchi e 4 clavette, invece, il team azzurro diretto da Emanuela Maccarani, non è andato oltre il quinto posto (p. 22.300) a causa di una perdita e alcune sbavature di troppo. A vincere in questa finale è la Bulgaria (p. 25.750), argento all’Ucraina (p. 25.100), mentre il bronzo a Israele (p. 24.450).

Nelle finali individuali dominano le gemelle Averina, ma Agiurgiuculese è d’argento

Per i tanti tifosi presenti sugli spalti dell’astronave di Pesaro, le emozioni non sono mancate neppure sul fronte delle finali di specialità individuali, dove è arrivato il secondo risultato per l’Italia che porta la firma di Alexandra Agiurgiuculese (bronzo iridato alla palla ai Mondiali di Sofia 2018) che conquista la medaglia d’argento nella finale alle clavette con un formidabile punteggio di 20.950 (suo personal best score di sempre). 

L’azzurra che milita nel gruppo sportivo dell’Areonautica Militare, ma che si allena quotidianamente a Udine presso la sua società storica (l’AS Udinese) sotto la guida della tecnica Spela Dragas, sale quindi sul secondo gradino del podio alla sua prima uscita stagionale. 

Un grande risultato per lei, che fa ben sperare in vista degli imminenti appuntamenti internazionali, tra cui le tappe di Coppa del Mondo a Sofia e Guadalajara, gli Europei a Baku, i Giochi Europei a Minsk e infine i Mondiali di settembre a Baku, dove l’azzurra si giocherà l’accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

A Pesaro arriva un’altra medaglia per l’Italia: Alexandra Agiurgiuculese si tinge le ali d’argento nella finale alle clavette ????????????????

Posted by Ginnastica Ritmica Italiana on Sunday, 7 April 2019

Ma venendo ai risultati delle finali individuali, nella finale al cerchio a vincere è la russa Arina Averina (p. 22.500), seguita dalla sorella gemella Dina Averina che conquista l’argento (p. 22.400), mentre il bronzo spetta alla bielorussa Katsiaryna Halkina (p. 21.100). Chiude in settima postazione l’azzurra Milena Baldassarri (p. 20.600), protagonista di una eccellente prova, che la riconferma tra le migliori ginnaste del mondo. 

Nella finale alla palla è sempre Arina Averina a salire sul gradino più alto del podio (p. 22.400), seguita al secondo posto dalla bulgara Boryana Kaleyn (p. 21.700) e al terzo posto dall’altra russa Dina Averina (p. 21.700). Per quest’ultima noterete lo stesso punteggio ottenuto dalla ginnasta bulgara, ma dal momento che il regolamento FIG non permette il pari merito, il vantaggio va alla ginnasta con il parziale esecutivo più alto. Per quanto riguarda l’azzurra Baldassarri, la ginnasta di Fabriano allenata da Julieta Cantaluppi e Kristina Ghiurova, non va al di là della quinta posizione (p. 20.850). 

Alle clavette l’oro è, invece, andato alla russa Dina Averina (p. 22.400), l’argento alla nostra Alexandra Agiurgiuculese (p. 20.950), mentre il bronzo alla bielorussa Alina Harnasko (p. 20.600). 

Nell’ultima finale al nastro, è sempre Dina Averina a salire sul gradino più alto del podio (p. 20.600), argento a Katrin Taseva (p. 19.000), mentre il bronzo è andato alla bielorussa Alina Harnasko (p. 18.800). 

Terminata questa giornata di gare, ora i riflettori sono già puntati al prossimo weekend, dove a Sofia in Bulgaria si disputerà la seconda tappa del circuito FIG World Cup e dove a scendere in pedana a rappresentare i colori azzurri ci saranno sempre loro: le Farfalle, Alexandra Agiurgiuculese e Milena Baldassarri. 

Allegati

File Descrizione Dim. Download
pdf Finali individuali Wcup Pesaro 2019 89 KB 34
pdf Finali a squadre Wcup Pesaro 2019 78 KB 30