Quest’oggi a Budapest, sulle rive del Danubio blu, ha preso il via la 33° edizione dei Campionati Europei di Ginnastica Ritmica, che negli anni dispari è riservata alle ginnaste individualiste senior e alle squadre junior.

L’Italia delle giovani farfalle punta al podio

A dare inizio alla lunga prima giornata di gara, sono state le squadre junior con l’esercizio alle 10 clavette. Per l’Italia è scesa in campo la formazione allenata da Julietta Cantaluppi e Kristina Ghiurova, composta dal Capitano Francesca Pellegrini, Anna Paola Cantatore, Nina Corradini, Melissa Girelli, Talisa Torretti e Rebecca Vinti. Le giovani Farfalle, malgrado una piccola perdita in apertura su una sequenza di passi ritmici, sono state protagoniste di una buona prova, applaudita dal pubblico presente in arena, che è valsa loro il punteggio di 16.100 e la quarta posizione provvisoria in classifica su 27 nazioni presenti. “Eravamo ansiose – hanno dichiarato in coro – poi le nostre allenatrici ci hanno detto di stare tranquille e di divertirci, senza perdere mai la concentrazione, qualunque cosa accadesse, perché eravamo preparate ed era il momento di farlo vedere a tutti“.

A dominare la classifica provvisoria la Russia (p. 17.000), seguita da Israele (16.350) e dalla Bielorussia (16.200). Domani le azzurre saranno impegnate nella seconda rotazione. “Torneremo in pedana più sicure e attente agli attrezzi. Abbiamo sentito tantissimo l’incitamento dagli spalti e ci siamo gasate al massimo, vorremmo tornare subito in gara”.

Storica finale alla palla per Agiurgiuculese e 6° provvisoria nell’AA

Sul fronte della competizione senior, a difendere i colori azzurri sono scese in pedana, al cerchio Alessia Russo, alla palla Milena Baldassarri, mentre in entrambe gli esercizi, la nuova stella della ritmica italiana e internazionale, Alexandra Agiurgiuculese.

Quest’ultima, con la grinta e lo stile che la contraddistingue e accolta da un grande tifo, è stata protagonista di due prove dall’alto valore tecnico e artistico, che attualmente la collocano in sesta posizione provvisoria con p. 33.425, dati dalla somma di un 16.200 al cerchio e di un eccellente 17.225 alla palla. Davanti a lei solo le grandi big della ritmica internazionale: la russa Alexandra Soldatova, l’israeliana Linoy Ashram, la bulgara Vladinova e le due bielorusse Harnasko e Halkina. Insomma, un inizio davvero scoppiettante per la giovane azzurra, allenata al Centro Tecnico di Udine da Spela Dragas e Magda Pigano, che conquista inoltre l’accesso alla sua prima finale europea di specialità alla palla, in programma domenica. Mai nessuna ginnasta azzurra, negli ultimi sedici anni, era riuscita in tale impresa.

Bene per Baldassarri e Russo

Per quanto riguarda l’altra azzurra Milena Baldassarri, oggi l’inizio non è stato dei più brillanti, a causa di qualche incertezza di troppo nell’esercizio alla palla (p. 15.950). La ginnasta marchigiana, anche lei allenata da Julietta Cantaluppi e Kristina Ghiurova, avrà comunque l’occasione di riscattarsi nella giornata di domani, dal momento che sarà impegnata – insieme ad Alexandra – nelle rotazioni con le clavette e il nastro. Termina l’europeo, invece, per la veterana Alessia Russo (convocata in un solo attrezzo) che ottiene un 15.950 al cerchio, non abbastanza per accedere alla finale.

Attualmente nella classifica per “Team”, data dalla somma dei punteggi ottenuti dalla squadra junior e dalle individualiste senior, l’Italia si colloca in 5° posizione (dietro a Russia, Bielorussia, Israele e Bulgaria), a dimostrazione del fatto, che anche in assenza delle pluri-medagliate Farfalle di Emanuela Maccarani, il movimento italiano è in grado di volare sempre in alto.

Giuseppe Suma

Allegati

File Descrizione Dim. Download
pdf Junior group day 1 790 KB 72
pdf Ball qualification 550 KB 67
pdf Hoop qualification 553 KB 56

1 risposta